9 passaggi chiave per vendere una società senza problemi

i passaggi chiave per vendere la tua azienda semza problemi

Vendere un’azienda è difficile, soprattutto se non si sa come procedere e se la tua è una piccola impresa. Il processo è complicato, la terminologia è straniera e ci sono molti dettagli da tenere sotto controllo.

Di conseguenza, molti imprenditori non decidono di non cedere le proprie partecipazioni o cercare nuovi soci di capitali, proprio perché il processo è troppo complesso ed il rischio di dedicarci tempo e denaro senza arrivare ad una conclusione dell’operazione è alto. Tuttavia, vendere la propria azienda è spesso l’unico modo per garantire che l’azienda continui ad operare in futuro.

Una volta capito il processo e i passi chiave che devono essere fatti per vendere l’azienda, sarà molto più facile affrontare questo processo e mettere in vendita l’impresa.

In questo post del blog, imparerai a conoscere le diverse fasi del processo per vendere la tua azienda, gli errori di vendita comuni che vengono fatti e, soprattutto i passi che potrai fare per vendere la tua azienda senza problemi.

MIGLIORA IL VALORE DELLA TUA AZIENDA

Il primo passaggio riguarda il valore dell’azienda e non solo e soltanto dal punto di vista economico e finanziario.

I potenziali acquirenti sono sempre interessati a business che generano profitti, entrate ricorrenti ed elevati flussi di cassa.

Ci sono molti modi per aumentare il valore della tua azienda. Ogni azienda è unica ed unico è il modo per aumentarne il valore, tuttavia, possiamo citare alcune strategie che possono essere valide un po’ per tutte le aziende.

SVILUPPA UN’ATTIVITÀ DI NICCHIA

Rivolgersi ad una nicchia di mercato dove l’azienda è leader è un ottimo modo per far si che la tua azienda generi valore.

Operare all’interno di una nicchia di mercato vuol dire avere meno concorrenza e conoscere al meglio i tuoi clienti ed offrire dei prodotti e/o dei servizi in grado di soddisfare al meglio le esigenze e le richieste dei tuoi clienti.

FIDELIZZA I TUOI CLIENTI

Il rapporto con i tuoi clienti è molto importante per creare valore ed il portafoglio clienti è un patrimonio che, se valorizzato, rappresenta un elemento cardine per la creazione di valore.

Non solo perché puoi ottenere dei margini migliori, ma anche perché un portafoglio clienti fidelizzato garantisce la creazione di valore nel lungo periodo.

RENDI I TUOI PROCESSI EFFICIENTI

I processi aziendali sono il cuore operativo dell’azienda. Processi efficienti consentono di aumentare il valore dell’aziende perché riducendo le inefficienze si riducono gli sprechi, si ottimizzano i costi, si aumenta la soddisfazione dei clienti. Il tutto si traduce in una riduzione dei costi ed in un aumento del fatturato.

METTI IN ORDINE LA CONTABILITA’

I possibili compratori analizzeranno inevitabilmente in modo approfondito i tuoi documenti contabili per questo quando si vende l’azienda è importante “mettere in ordine” tutti i documenti contabili. Questo significa, in primo luogo, che dovrai apportare (ed essere consapevole di) tutte le rettifiche agli attivi aziendali (pensa ai crediti dei clienti che non incasserai mai o al magazzino che non potrai mai più utilizzare).

DEFINISCI LE ATTIVITÀ CHE SONO IN VENDITA

La vendita dell’azienda può essere realizzata tramite la cessione di quote societarie (Share Deal) oppure tramite la vendita di un ramo d’azienda che comprende solo specifiche attività e passività dell’azienda (Asset Deal).

Quindi è bene identificare il “perimetro” di quello che si vuole vendere o di quello che potrebbe interessare i potenziali compratori e/o investitori. Tipicamente, la distinzione tra uno o più rami operativi ed un ramo d’azienda che comprende gli immobili di proprietà dell’azienda viene svolta quando l’azienda possiede un immobile.

Diverse sono le considerazioni che possono essere fatte per scegliere il migliore dei modi per realizzare la vendita dell’azienda, ma è fondamentale capire la differenza tra le due opzioni in rapporto agli obiettivi di chi compra e di chi vende ed al fattore fiscale, che spesso rappresenta una voce di costo significativo dell’operazione.

FAI UNA VALUTAZIONE DELL’AZIENDA

Un passo fondamentale è sapere qual determinare il valore oggettivo della tua azienda, prescindendo da elementi soggettivi, personali ed emotivi.

La valutazione d imprese è un processo molto complesso che richiede specifiche professionalità e comporta dei costi. Ma questi costi sono soldi ben spesi.

Certo è possibile fare preliminarmente una valutazione approssimativa dell’azienda per avere un’idea di massima. Tuttavia, prima o poi, una valutazione professionale è fondamentale, anche perché consente una maggiore consapevolezza nella trattiva sul prezzo di vendita.

ILLUSTRA LA TUA PROPOSTA DI VALORE

Quando si metti in vendita la propria attività, si sta vendendo un prodotto. Un prodotto unico e complesso, ma pur sempre un prodotto. E per vendere un prodotto si deve avere una documentazione “commerciale” che presenti le caratteristiche del prodotto, i benefici, i vantaggi ed il valore che il prodotto può rappresentare per il potenziale compratore.

SCRIVI UNA LETTERA DI RISERVATEZZA ED UNA LETTERA DI INTENTI

Le informazioni ed i dati che dovrete fornire ai potenziali compratori sono spesso informazioni sensibili. Per questo è fondamentale regolare la riservatezza di tutte le informazioni che fornirete attraverso un accordo che prende appunto il nome di lettera di riservatezza.

Altrettanto importante è sottoscrivere un documento sottoscritto sia dal venditore che dall’acquirente nel quale vengono definiti gli elementi cardine della potenziale operazione. Questo documento è la lettera di intenti.

Con la lettera di intenti entrambe la parti prendono reciprocamente atto di voler concretamente fare un’operazione secondo una serie di elementi che hanno condiviso.

La sottoscrizione della lettera di intenti, anche se non vincola le parti a fare l’operazione, è un momento cruciale perché sancisce che entrambe vogliono sedersi seriamente al tavolo per chiudere l’operazione.

COMPLETA IL PROCESSO DI DUE DILIGENCE

Dopo che le due parti hanno espresso nella lettera di intenti la volontà di fare l’operazione, solitamente inizia il processo di due diligence. Con la due diligence il compratore effettua tutte le verifiche del caso per capire “cosa compra”. Con la due diligence si indagano sulle diverse aree dell’azienda e tipicamente comprende l’indagine contabile, finanziaria ed amministrativa, l’indagine sull’area operativa (processi aziendali, area produzione, area commerciale…), l’indagine sull’area fiscale, sull’area legale e sull’area giuslavoristica. Spesso sono anche indagate le aree ambientali e regolamentari

FORMALIZZARE UN CONTRATTO

L’ultimo passo è la formalizzazione degli accordi trovati tra il compratore (o investitore) ed il venditore. Nel contratto principale vengono rappresentati sia i dettagli dell’operazione sia tutte le dichiarazioni fatte sia del venditore che dall’acquirente.

Quando si vende un’azienda o si apre il capitale a nuovi soci che apportano risorse all’azienda sono spesso necessari una serie di contratti ed accordi ulteriori rispetto al contratto principale e/o variazioni a documenti esistenti come lo Statuto della società.

È evidente che vista la complessità del prodotto è inevitabile il ricorso a figure professionali con competenze legali specialistiche.

CHIUDI DELLA VENDITA

Un accordo per la cessione di partecipazioni societarie o per l’ingresso di nuovi soci spesso non implica (o non può implicare) la concretizzazione dell’operazione. Molte volte la concretizzazione dell’operazione richiede il verificarsi di tutta una serie di condizioni e/o eventi ai quali è subordinata la concretizzazione.

Per questa ragione ci sono due momenti distinti per realizzare l’operazione. Un primo momento nel quale le parti sottoscrivono un accordo definitivo (in gergo tecnico “signing”) ed un secondo momento nel quale l’accordo definitivo produce gli effetti giuridici (“closing”).

Condividi

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn

Contenuti dell'articolo

Altri articoli interessanti

;